Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

L'attività sessuale è una componente centrale delle relazioni intime, ma la funzione sessuale può essere compromessa dalla malattia coronarica. Ci sono stati pochi confronti basati sulla popolazion ...


Rispetto agli stent metallici a rilascio di farmaco, gli scaffold vascolari bio-riassorbibili offrono la possibilità di migliorare gli esiti nel lungo periodo dell’intervento coronarico percutaneo ( P ...


Nonostante il trattamento di successo della lesione arteriosa responsabile dell'infarto miocardico mediante intervento coronarico percutaneo ( PCI ) primario con impianto di stent, in alcuni casi inso ...


In una popolazione di mezza età, è stato recentemente dimostrato che i livelli plasmatici di copeptina sono in grado di prevedere lo sviluppo di diabete mellito, cardiopatia diabetica e la mortalità. ...


I fumatori hanno una minore mortalità a breve termine dopo infarto miocardico acuto ( IMA ) rispetto ai non-fumatori; tuttavia, poco si sa circa gli effetti a lungo termine del fumo sulla speranza di ...


I risultati dello studio TRAPID-AMI1 hanno confermato un nuovo approccio per una più rapida diagnosi di infarto miocardico nei pazienti con dolore toracico acuto. L’approccio si basa sul test Roche d ...


Nei pazienti con malattia multivasale sottoposti a procedura PCI ( intervento coronarico percutaneo ), la rivascolarizzazione incompleta al momento della dimissione ospedaliera è risultata correlata a ...


Nei pazienti con coronaropatia sottoposti a impianto di stent a eluizione di farmaco, gli eventi avversi del fallimento tardivo della lesione target possono essere correlati in parte alla persistente ...


L’infarto miocardico acuto ( IMA ) è la principale causa di morte e di disabilità nel mondo. C'è una crescente evidenza da studi osservazionali che l'infezione da virus influenzale sia associata a inf ...


L’infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( STEMI ) è frequentemente associato a depressione del tratto ST nelle derivazioni controlaterali dell’ECG ( elettrocardiogramma ). Tuttavia, il rapporto ...


L'associazione tra obesità e prognosi nei pazienti con malattia coronarica rimane incerta. E’ stata effettuata una meta-analisi riguardo agli effetti dell’indice di massa corporea ( BMI ) sulla morta ...


La fibrillazione atriale silente, valutata mediante un monitoraggio ECG continuo, ha recentemente dimostrato di essere comune nell’infarto miocardico acuto e di essere associata a più alta mortalità o ...


È stato quantificato il rischio di infarto miocardico acuto non-fatale tra gli utilizzatori di Allopurinolo ( Zyloric ), un farmaco per la gotta, mediante uno studio caso-controllo basato sulla p ...


L'identificazione precoce dei pazienti ad alto rischio con infarto miocardico con sopraslivellamento ST ( infarto STEMI ), sottoposti a intervento coronarico percutaneo primario ( PPCI ) permetterà l’ ...


C'è una scarsità di dati sull'impatto della rivascolarizzazione completa ( CR ) in seguito a un intervento coronarico percutaneo ( PCI ) nei pazienti con diabete mellito e con malattia coronarica mult ...